Vivere accanto a persone con attacchi di panico

da | Feb 6, 2020

Vivere accanto a persone con attacchi di panico non è semplice, è così che è necessario comprendere cosa sia l’attacco di panico, i meccanismi che si attivano a fronte di tale situazione e come gestirla.

Ad un certo punto la vedi. Sbianca, il cuore sembra salirgli in gola e uscire dal suo corpo. Comincia a sudare, ad avere i brividi di freddo. Non riesce a respirare. Nella migliore delle ipotesi ti chiede aiuto, alza la voce gridando di chiamare soccorsi perché non si sente bene: “Sto avendo un infarto. Ho paura, sto morendo”. Sì è tra le migliori ipotesi perché a volte capita che non si sentano compresi e tentino di aiutarsi da soli, isolandosi e aumentando la percezione di pericolosità. E lì tu non comprendi cosa sta accadendo e l’impotenza è ancora più intensa.

[Cosa sono gli attacchi di panico]

L’attacco di panico è un breve episodio di ansia che dura circa 20 minuti.
Tipico degli attacchi di panico è lo stato di apprensione e terrore. I sintomi fisici, come ad esempio la tachicardia, vengono vissuti come una catastrofe imminente. Ciò che spaventa è il carattere improvviso che però in fondo ha sempre un fattore scatenante.

I sintomi comuni sono:
Palpitazioni, cardiopalma o tachicardia
Sudorazione
Brividi o vampate di calore
Tremori fini o a grandi scosse
Parestesie
Dispnea o sensazione di soffocamento
Sensazione di asfissia
Dolore o fastidio al petto
Nausea o disturbi addominali
Sensazioni di sbandamento, instabilità, testa leggera o senso di svenimento
Derealizzazione o depersonalizzazione
Paura di perdere il controllo o di impazzire
Paura di morire.

Quando una persona ha un attacco di panico teme le stia accadendo una cosa molto grave, a tal punto da poter mettere a rischio la propria vita. La paura di non esser compresi ne aumenta la pericolosità percepita.

Il classico pensiero è “sto per morire” o “mi sta venendo un infarto”.
Tali pensieri appaiono così reali che spesso si giunge a chiamare l’ambulanza.
Dopo il primo attacco di panico consegue la paura che possa accadere nuovamente.
Quando questo avviene si passa dal singolo episodio, che non è un disturbo, al vero e proprio disturbo di panico.

Errori di pensiero portano ad interpretare come reali pericoli, normali attivazioni fisiche.
Quando gli attacchi di panico sono ripetuti, si manifesta una persistenza nel pensare possa accadere nuovamente, si mettono in atto comportamenti protettivi e il tutto in una durata superiore ad un mese allora si può parlare di Disturbo.
Molteplici le cause di un attacco di panico: dalla predisposizione genetica, allo stress alla preoccupazione circa la propria salute o emozioni spiacevoli conseguenti a stress personali o lavorativi.

[Vivere accanto a persone con attacchi di panico: Come si sente e cosa pensa il familiare]

Vivere accanto a persone con attacchi di panico comporta in noi molteplici emozioni, pensieri e vissuti complessi.
.
Ci sentiamo spaesati, non comprendiamo cosa stia realmente accadendo.
Ci sentiamo frustrati ed avere un tono rassicurante ci diviene difficile, così frasi “non è niente, che cavolo vuoi che sia, calmati” fioccano senza neanche che ce ne rendiamo conto.
Non tutti reagiamo alla stessa maniera e a volte nel confronto con chi riesce a gestire la situazione ci sentiamo inadeguati e fuori luogo.
L’impotenza e la frustrazione che comporta ci annebbia la mente e ci troviamo in un vortice che complica la situazione.
A volte ci facciamo talmente coinvolgere dal panico della persona che entriamo nel loro stesso loop e ci spaventiamo “e se davvero fosse un infarto? E io qui a sminuire”.
Capita non riuscire a comprendere quella paura irreale e arrabbiarci perché in fondo quello che percepiamo come un torto è il nostro non saper gestire la situazione.
Ci sentiamo responsabili della salute degli altri e il pensiero “se non me ne occupo io chi lo fa? Cosa potrebbe accadere?” ci assale.
Nel tentativo di aiutare l’altra persona cominciamo a trascurarci e le esigenze dell’altra persona diventano primarie. Il peso dell’impegno, il senso di colpa e il relativo stress si accumulano sfinendo la pazienza. Per non pensare che a volte nel tentativo di aiutare veniamo additati di non aver fatto qualcosa dalla persona stessa e la voglia dire “arrangiati” è molta.
Loro si imbattono nell’attacco di panico e tu ti ritrovi a dover gestire ansia, rabbia, tristezza e senso di colpa. Il carico emotivo potrebbe essere molto intenso nonostante non vi sia una vera patologia.

[Attacco di Panico, come gestire la situazione]

Cosa posso fare quando mi trovo a dover gestire la mia emotività e quella di una persona con Attacco di Panico?

Astenersi dal giudizio. E’ un momento delicato, non gli/le è di certo utile sentirsi giudicato/a. La persona sa che le sue possono essere paure non reali ma le appaiono così.

Mantenere la #calma: per aiutarla a mantenere la lucidità dovremmo per primi tentare di mantenere la calma e farlo facendo dei respiri profondi aiuta. Invitiamola a fare lo stesso. Usiamo la #respirazione diaframmatica. Mettendo una mano sulla pancia e ad ogni respiro profondo (di circa 5 sec) osserviamo la mano spostarsi con il gonfiare della pancia.

Allontanarsi dal contesto che crea #ansia, questo la aiuterà a sentirsi un po’ più al sicuro. Attenzione però a non sfociare in esagerazioni che comportano l’evitamento totale di quel luogo. L’evitamento infatti è uno dei fattori di mantenimento del problema.

Usare un tono rassicurante ricordandole di essere al sicuro e che quelle sensazioni cesseranno presto.

Avere contatto con la realtà intorno. Chiediamo di descriverci il contesto. Sposterà l’attenzione dai sintomi interni a quelli esterni.

Offrire contatto fisico. Da una mano sulla spalla ad un abbraccio a seconda dell’intimità che quella persona può sostenere.

Mettersi nei panni dell’altro, forzandosi di comprendere che le esigenze dell’altra persona e che queste non sempre coincidono con le nostre.

Prendere le distanze. Teniamo ben in mente che la salute degli altri non dipende da noi e che a volte non spetta a noi aiutarlo/a.

Imparare a prendersi cura di noi. Concediamoci quindi dei momenti per noi e senza sentirci in colpa nel definire dei limiti. Anche la nostra disponibilità deve essere limitata. Questo per il nostro e il suo bene.

Se ti trovi a vivere accanto a persone con attacchi di panico e senti di non poter gestire da solo/a la situazione consulta uno psicologo. E’ importante comprendere quali sono i meccanismi di mantenimento come per es. l’esigenza della persona ad avere sempre accanto una persona di riferimento o l’evitamento delle situazioni. Questo non fa che lanciare il messaggio che non può farcela da solo e questo non fa che mantenere la situazione immutata.

 

Grazie per aver letto l’articolo. Contattami per un appuntamento in sede o via Skype comunicando il codice: VivertiAccantoAP per usufruire del primo colloquio scontato del 50%. 

Dott.ssa Cinzia Borrello, Psicologa Psicoterapeuta cognitiva e cognitiva comportamentale e Terapeuta EMDR I livello.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Psicoterapia Online

Cos'è la psicoterapia online? Il supporto online e la psicoterapia online esistono da tempo. Per terapia online si intende una prestazione psicoterapica effettuata tra terapeuta e cliente, attraverso i canali telematici ed avviene grazie alla connessione via internet...

Vivere accanto all’ansia

<< Lo sguardo nel vuoto, gli occhi sbarrati, la guardo e cerco di comprendere dove sta andando con quella testolina. Le dico “non ti preoccupare” e lei si incupisce come se le avessi detto qualcosa di male. Non la capisco e lei lo sa. Costantemente proiettata...

Vivere Accanto al Disturbo Ossessivo Compulsivo

“I rituali sono sfiancanti, non sai mai come potrebbe reagire, se hai fatto abbastanza per lui. Non esco più per evitare di fare le cose e causargli ansia. Non so più come comportarmi. Sta diventando una situazione limitante e ingestibile. Finiamo con il litigare ogni...

Vivere accanto ad una persona affetta da Covid-19

I protagonisti indiscussi di questo periodo sono le persone che sfortunatamente hanno vissuto in prima persona il contagio del Coronavirus. Tra i molteplici soggetti coinvolti vi sono loro, con emozioni, pensieri e comportamenti differenti. Difficile è la loro...

Come sopravvivere al Coronavirus?

Attualmente il panorama italiano si sta affacciando ad uno di quei periodi di sconforto e di caos che rimarrà nella storia. Oltre alla situazione sanitaria, dove non mi dilungherò, (citerò qui le uniche fonti ufficiali dove trarre le informazioni - Ministero della...

Vivere accanto alla depressione

 Entro in casa e la trovo lì sul divano, fissa il vuoto e non ha le forze. Vivere accanto alla depressione non è uno scherzo. Dice di non riuscire a fare nulla, brutti pensieri le entrano in testa e la immobilizzano e io fermo, impotente. Dice “dentro di me c’è voglia...

Come affrontare la solitudine? I passi per viverla al meglio

 “Sono una sfigata, sono da sola”, “essere soli? è terribile”, "non riesco a comprendere come affrontare la solitudine", “stare da soli significa non esistere” “non potrei mai fare un viaggio da sola”, “da solo non potrei farcela”, “non mi può lasciare, resterei...

Ecco cosa ho imparato da una relazione finita

La storia con lui è stata tempestosa, gelosie e tradimenti, assenze e presenze di dipendenza, bisogni e necessità, amore e odio. Avrei buttato tutti gli anni insieme e avrei azzerato i ricordi. Poi mi sono chiesta “Cosa ho imparato da una relazione finita?”. Quando...

Vivere accanto a persone con attacchi di panico

Vivere accanto a persone con attacchi di panico non è semplice, è così che è necessario comprendere cosa sia l'attacco di panico, i meccanismi che si attivano a fronte di tale situazione e come gestirla. Ad un certo punto la vedi. Sbianca, il cuore sembra salirgli in...

Il perfezionismo clinico e il suo trattamento nelle problematiche alimentari.

A seguito di molteplici diete conseguite con successo potrebbe capitare di ricadere negli stessi meccanismi oppure, nonostante l'aver intrapreso un percorso di psicoterapia, la situazione potrebbe riapparire poco mutata. Cosa non sta funzionando? il perfezionismo ci...